Come eseguire la corretta manutenzione alla turbina dentale

La tua turbina dentale si rompe spesso?
Ecco come eseguire la corretta manutenzione per farla durare nel tempo

Con una corretta manutenzione prolungherai la vita della tua turbina risparmiando sui costi di riparazione.

Un problema frequente in studio è proprio la rottura precoce della turbina dentale causata da una mancata/errata manutenzione. 

In questo articolo elenco i passaggi fondamentali per preservare le caratteristiche tecniche del tuo strumento e di conseguenza allungarne la vita.

Mi sono accorto negli anni che c’è molta disinformazione a riguardo, per questo metto a disposizione la mia esperienza per aiutare gli studi a risolvere un possibile problema.

Tutti gli strumenti rotanti necessitano di una corretta manutenzione. 

Nella maggior parte dei casi la causa del guasto è proprio la mancanza di lubrificazione. Le procedure di manutenzione non sono uguali per tutti, ma cambiano in base allo strumento. 

Ecco come eseguire la manutenzione manuale a una turbina dentale.

Lo strumento deve essere pulito e lubrificato almeno una volta al giorno  utilizzando gli appositi prodotti.

E’ bene eseguire questa procedura sempre prima di ogni sterilizzazione, questo serve, oltre che ad espellere le impurità, a proteggere le parti interne durante il ciclo in autoclave.

Ecco quali sono i passaggi da eseguire per avere sempre uno strumento performante nel tempo

1 – Disinfezione

Disinfettare l’esterno della turbina con una salvietta disinfettante o nebulizzare il disinfettante su un panno e passarlo sulla turbina.

NON nebulizzare MAI il prodotto direttamente sul manipolo altrimenti il disinfettante penetrerà all’interno dello strumento e una volta in autoclave cristallizzerà bloccando i cuscinetti e danneggiando le parti meccaniche della turbina.

2 – Pulizia spray

Utilizzare delicatamente lo specillo per pulire i fori spray della turbina da calcare e depositi di materiale fresato. 

NON utilizzare lo specillo in modo aggressivo o troppo insistente il rischio è di danneggiare i fori, di conseguenza lo spray non sarà più perfettamente concentrico sulla fresa.

3 – Pulizia esterna

Pulire l’esterno della turbina con una spazzola in plastica sotto acqua corrente fredda o tiepida (non calda) in modo da rimuovere lo sporco presente sulla superficie e i residui di disinfettante. Asciugarla con un panno o aria compressa.

NON immergere la turbina in nessun tipo di liquido sgrassante e non lavarla in vasca a ultrasuoni. 

4 – Pulizia interna

Tenere la turbina dalla testina con un panno assorbente e detergere la turbina dalla parte posteriore (dove si innesta con l’attacco rapido). Tenere premuto il pulsante della bomboletta per almeno 1-2 secondi ripetendo l’operazione finché il detergente in uscita è  pulito.

5 – Lubrificazione

Dopo aver pulito la turbina con il detergente lubrificare con apposito olio spray dalla parte posteriore (dove si innesta l’attacco rapido). Tenere premuto il pulsante della bomboletta per almeno 1-2 secondi.

Adattatore per pulizia e lubrificazione pinza rotore

Adattatore per pulizia e lubrificazione pinza rotore

Eseguita questa operazione sostituire l’adattatore utilizzato con quello specifico per la lubrificazione della pinza rotore. Pulire il morsetto con il detergente (dove si inserisce la fresa) poi lubrificare con olio.

Attenzione: non tutte le apparecchiature progettate per la manutenzione dei manipoli eseguono la pulizia e lubrificazione della pinza rotore, se la macchina non è predisposta per questo, consiglio di eseguire questa procedura molto importante a mano, tramite bomboletta con apposito adattatore (come indicato in foto). 

Queste operazioni sono fondamentali per mantenere lubrificati i cuscinetti e il morsetto, evitando così una precoce usura delle parti. Questa procedura è adatta a tutti i tipi di turbina (che prevedono una lubrificazione a olio) tra cui KaVo, W&H, Sirona, Castellini, Faro e NSK.

Dopo aver lubrificato fate girare il rotore per 5/10 secondi con la fresa inserita o posizionate la turbina a testa in giù in un contenitore per almeno 30 min., questo serve a far defluire l’olio in eccesso. 

Ora è pronta per essere imbustata e sterilizzata in autoclave.

Ricorda di eseguire questa operazione almeno una volta al giorno.

Con questi semplici, ma indispensabili passaggi, garantirai nel tempo un perfetto funzionamento della tua turbina dentale e risparmierai sui costi di riparazione.

Nella sezione  consigli utili troverai altri articoli come questo utili per te e per la tua professione.

Se hai delle domande a riguardo o bisogno di assistenza clicca qui per andare nella sezione contatti e metterti in contatto con noi.

Scarica la nostra Guida Gratuita

5 CONSIGLI PRATICI per non cadere nelle trappole delle assistenze tecniche

Cosa scoprirai dopo averla letta?

Prima di uscire scarica la nostra Guida Gratuita

"5 CONSIGLI PRATICI per non cadere nelle trappole delle assistenze tecniche odontoiatriche"

Ecco cosa saprai dopo averla letta